1 Agosto 2019

“Ossalato di calcoli”

La calcolosi urinaria è una patologia molto frequente nella popolazione generale. Diverse sono le sostanze in grado di formare calcoli urinari e tra queste rivestono un ruolo predominante gli ossalati. Circa il 70% dei calcoli renali contiene calcio, e di questi circa l’80% è formato da ossalato di calcio, in forma pura o associata a fosfato di calcio. Gli ossalati sono sostanze contenute principalmente in cibi come la cioccolata, le nocciole, le bevande gassate, i succhi di frutta, il thè, i cavoli, i piselli, gli asparagi, gli spinaci, il rabarbaro, le barbabietole, le acque ricche di sali di calcio e magnesio. Quando vengono ingeriti, questi alimenti si combinano con alcuni minerali, tra cui il calcio, formando Sali che precipitano e si aggregano sotto forma di calcoli. Per prevenire la formazione dei calcoli e le conseguenze che ne derivano, sarebbe buona norma aumentare l’apporto di fluidi per stimolare una diuresi frequente così da impedire al calcio e all’ossalato di precipitare. Una buona soluzione sarebbe anche quella di associare gli ossalati a fonti ricche di calcio come spinaci, formaggio grattugiato (contrariamente a quanto molti credono, il consumo in dosi adeguate di alimenti ricchi di calcio può ridurre il rischio della formazione di calcoli renali, poiché aiuta a legare l’acido ossalico e a limitare l’assorbimento di ossalato), cucinare gli alimenti con poco sale (sostituendolo con quello iposodico), eventualmente sostituendolo con spezie; oppure usare  alimenti ricchi di acido citrico, come agrumi e succo di limone, soprattutto durante la stagione estiva per alcalinizzare le urine  e prevenire la formazione di calcoli di acido urico e di ossalati di calcio.

- Vedi tutti gli articoli

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE